top of page
  • Immagine del redattoreAvvocato Laura Crisanti

SUCCESSIONE: PROTEGGERSI DAI DEBITI DEL DEFUNTO

In occasione della morte di una persona cara ci si trova a gestire la fase della Successione e, quindi, a valutare la scelta migliore per evitare possibili conseguenze economiche in presenza di debiti certi o presunti del defunto.


COME SI ACQUISTA LA QUALITÀ DI EREDE: L’ACCETTAZIONE.

Al momento della morte di una persona non si diventa automaticamente erede. I soggetti designati dal testamento o dalla legge come possibili eredi devono infatti accettare l’eredità. Fino a quel momento essi sono definiti “chiamati a succedere”.

Prima di procedere all’accettazione è necessario fare preliminari considerazioni circa le consistenze lasciate dal defunto poiché una volta accettata la scelta è definitiva e non può essere revocata. L’accettazione non richiede formalità speciali e può avvenire anche in modo tacito (art. 476 cod. civ.), ad esempio, gestendo beni che appartenevano al defunto.


SUCCESSIONE EREDITARIA: ATTRIBUZIONE AGLI EREDI

Alla morte di una persona, nell’ipotesi di accettazione di eredità, i suoi beni, crediti e debiti passano agli eredi, designati dal testamento (art. 587 cod. civ.) o dalla legge (art. 565 cod. civ.). I creditori possono quindi richiedere agli eredi il pagamento dei debiti, indipendentemente dal valore dei beni ereditati, poiché con l’accettazione dell’eredità, i beni dell’erede si fondono con quelli del defunto, permettendo ai creditori di quest’ultimo di sottoporre a pignoramento sia i beni ereditati che quelli personali dell’erede.


ATTRIBUZIONI EREDITARIE IN PRESENZA DI DEBITI

Gli eredi, oltre all’acquisizione dei crediti del defunto, possono essere chiamati a rispondere anche dei debiti del defunto.

I debiti ereditari sono obblighi economici non risolti al momento della morte di una persona, che si trasferiscono agli eredi. Questi includono a titolo esemplificativo ma non esaustivo le imposte, pagamenti di cartelle esattoriali, rate di mutuo non pagate, e spese condominiali. Alcuni debiti, per loro natura, non si trasferiscono agli eredi, come quelli legati a sanzioni personali, come multe o pene pecuniarie per reati commessi dal defunto.

E’dunque necessario prima di operare la scelta di accettare o rifiutare l’eredità effettuare un’attenta ricognizione dei beni ereditari per determinare l’ammontare esatto dei crediti/debiti ereditari.


LA TUTELA DAI DEBITI EREDITARI: ACCETTAZIONE CON BENEFICIO D’INVENTARIO O RINUNCIA.

Per proteggersi dai debiti ereditari, la legge offre la possibilità di accettare l’eredità con beneficio di inventario (art. 484 cod. civ.). Questa opzione mantiene separati i beni dell’erede da quelli del defunto fino al pagamento di tutti i debiti ereditari. L’accettazione con beneficio di inventario è un processo formale e unilaterale, che richiede la presenza di un pubblico ufficiale, come cancelliere del Tribunale o un Notaio. In tale ipotesi l’erede, ha l’obbligo di effettuare un inventario dei beni e diritti ereditari, che viene redatto secondo precise regole imposte.

Pertanto all’erede spetterà il residuo del patrimonio al netto dei debiti da pagarsi senza alcun rischio di vedersi aggredire i propri beni personali.

Qualora i debiti del defunto superano il valore dei beni è opportuno rinunciare all’eredità

Anche la rinuncia all’eredità (art. 519 cod. civ.) deve essere fatta con una dichiarazione ricevuta dal cancelliere del Tribunale o da un notaio.

Se un erede rinuncia, il diritto all’eredità passa ai suoi discendenti, come figli e nipoti, che possono a loro volta rinunciare.

Per quanto riguarda i minori, anche loro possono essere chiamati a succedere, ma la legge stabilisce che possono accettare l’eredità solo con beneficio di inventario. I genitori possono rinunciare all’eredità per conto dei minori previa autorizzazione del Giudice Tutelare.


COME SI RIPARTISCONO TRA GLI EREDI I DEBITI DEL DEFUNTO?

La distribuzione dei debiti ereditari tra gli eredi segue regole specifiche. Secondo l’art. 752 cod. civ., i debiti devono essere ripartiti in base alle quote di eredità di ciascun erede

Commentaires

Les commentaires n'ont pas pu être chargés.
Il semble qu'un problème technique est survenu. Veuillez essayer de vous reconnecter ou d'actualiser la page.
bottom of page